Benvenuto in OVS
Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter!
Scopri le nostre collezioni!
Ci dispiace, ma non possiamo iscrivere questo indirizzo perché è già presente un utente già registrato su OVS.it con questa email.

Se vuoi modificare l'indirizzo con cui sei registrato alla newsletter devi accedere al sito OVS seguendo questo link e poi entrare nella sezione 'dati personali'.

Se ti servono maggiori informazioni, non esitare a contattare il nostro servizio clienti.

5 cose per stare bene a Novembre

Barbara Damiano 06.11.2017

Il cambio dell’ora, incredibili tramonti, le foglie rosse e gialle che scricchiolano sotto i piedi, l’odore di castagne arrosto nelle lente domeniche in piazza.

 

E’ appena cominciato un mese caldo e accogliente, colorato e calmo. Ecco allora 5 cose per stare bene a Novembre con i bambini.

 

Raccogliere le foglie d’autunno

 

Il libro delle foglie: passeggiamo lungo i giardini e i viali della nostra città, per raccogliere foglie cadute dagli alberi e creare un libro delle foglie.

 

Possiamo mettere le foglie dentro i libri che abbiamo in libreria, oppure creare una pressa fai-da-te: mettiamo le foglie sulle pagine di carta porosa, una per ogni pagina. Pressiamo tutti i fogli insieme tenendoli fermi con due tavolette di legno, una in cima e una sottostante. Leghiamo bene con lo spago e lasciamo che le foglie si asciughino bene, prima di spostarle.

 

Possiamo infine colorare con le tempere le foglie essiccate , decorarle con il pennarello nero indelebile come dei mandala, o usarle per abbellire la casa in questa stagione, appendendole al muro con il washi tape colorato.

 

Cuocere le castagne

 

Il profumo delle castagne arrostite, che possiamo replicare a casa anche senza la padella con i fori: questo sì, è Novembre!

 

Basta incidere le castagne, metterle a bagno in acqua fresca per almeno due ore, e poi cuocerle in forno. Sembrerà di stare intorno al fuoco, tutti insieme, al riparo.

 

O, se vogliamo bollirle con latte e panna in parti uguali, potremmo poi condirle con lo zucchero, passarle nel passaverdure, e creare un dolcissimo e squisito Mont Blanc, sormontato da una nuvola di panna montata alla vaniglia.

 

Leggere un libro alla settimana

 

Ad alta voce, tutti insieme in famiglia: possiamo leggere un libro alla settimana, per arricchire noi, i nostri figli e la loro passione per la lettura.

 

Umberto Eco ha scritto anche libri per bambini bellissimi, come la sua versione de I promessi sposi, affascinante ed energica, adatta ad essere letta con entusiasmo ad alta voce.

 

Continuiamo con l’epica: le storie dei miti degli dei e degli eroi, l’Iliade e l’Odissea per bambini.

 

E le storie che raccontano la diversità e la sua bellezza, come tutta la saga di Wonder, di R. J. Palacio.

 

Impastare il pane

 

Quando usiamo le mani per creare qualcosa di bello e di buono, stiamo insegnando ai nostri figli a fare altrettanto: usare le proprie capacità nel mondo per farne un posto migliore.

 

Farina, acqua, sale, lievito di birra, mezzo bicchiere di latte tiepido: impastiamo il pane con le nostre mani, provando a cambiare le dosi, gli ingredienti, i tipi di farina.

 

Osserviamo il lievito che prende vita dentro la ciotola in cui riposa il nostro impasto.

 

Dimostriamo ai nostri figli che ciascuno di noi è in grado di creare qualcosa di vivo, stupendo e buono, nella vita. Dimostriamo loro che sono competenti e che possono essere fiduciosi riguardo il proprio futuro.

 

Il giorno del Ringraziamento

 

Il quarto giovedì di Novembre gli Americani festeggiano il Thanksgiving Day, in segno di gratitudine verso Dio e per quanto ricevuto durante l’anno.
E noi? Abbiamo un nostro giorno del Ringraziamento?

 

Proviamo ad istituirlo in famiglia: che sia nello stesso giorno dei bambini statunitensi, o che sia ogni mese, oppure ogni domenica a pranzo.

 

Ricordiamoci di ringraziare la vita, di ringraziarci a vicenda per ciò che facciamo gli uni per gli altri, e di ringraziare anche noi stessi per le cose belle che portiamo nel mondo.

 

SHOP ONLINE