Benvenuto in OVS
Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter!
Scopri le nostre collezioni!
Ci dispiace, ma non possiamo iscrivere questo indirizzo perché è già presente un utente già registrato su OVS.it con questa email.

Se vuoi modificare l'indirizzo con cui sei registrato alla newsletter devi accedere al sito OVS seguendo questo link e poi entrare nella sezione 'dati personali'.

Se ti servono maggiori informazioni, non esitare a contattare il nostro servizio clienti.

Cambiamenti ecologici per tutta la famiglia

Barbara Damiano 11.01.2018

Nel 2018 possiamo affrontare dei cambimenti ecologici e diventare una famiglia più sostenibile?

 

Se vogliamo consegnare ai nostri figli un mondo più sano, più pulito e più duraturo, dobbiamo insieme compiere atti di sostenibilità ambientale, che preservino la natura, la sua biodiversità, il clima.

 

Abbiamo intervistato Raffaella Caso di BabyGreen, blogger, mamma e donna green, che negli ultimi anni ha lavorato proprio su se stessa e sulla propria famiglia, per avvicinarsi a un cambiamento ecologico quotidiano.

 

Spesso ci spaventa l’idea del cambiamento, perché non sappiamo da dove iniziare o tendiamo a scoraggiarci. Come possiamo attuare “cambiamenti green” a piccoli passi? Da cosa partire?

 

La prima cosa che dobbiamo sapere è che un cambiamento del proprio stile di vita verso un approccio più sostenibile non è un sacrificio. Al contrario, può diventare un percorso di felici scoperte per tutta la famiglia.

 

Vivere green infatti significa anzitutto stare meglio nella propria pelle e in casa. L’ecologia non è sacrificio, è semplicità e benessere.

 

In genere le famiglie si avvicinano alla sostenibilità partendo dal cibo, attraverso la scoperta della stagionalità, dei prodotti freschi, delle ricette sane, semplici e senza spreco. Mangiare sano e cucinare è già una grande svolta: fa bene alla salute, riduce il costo ambientale e abbatte l’uso del packaging in cucina (che è uno dei luoghi della casa in cui si producono più rifiuti di plastica).

 

Un altro passo che suggerirei di fare subito è convertirsi ai detergenti ecologici e fai da te per la casa: uno spruzzino con acqua e aceto può sostituire decine di prodotti inquinanti (e nocivi per la nostra salute).

 

Con acqua, bicarbonato, sale e aceto si può pulire tutta la casa: si spende pochissimo, non si inquina, non si lasciano residui nocivi in casa e non si utilizzano decine di bottiglie di plastica.

 

Come possiamo insegnare ai bambini a passare dalla logica del consumo, alla sostenibilità?

 

Sono profondamente convinta che il modo migliore per educare i nostri figli al rispetto della natura sia semplicemente quello di fargliela conoscere, apprezzare e amare.

 

I bambini sono estremamente sensibili e flessibili: sono in grado di apprezzare i doni che la natura ci propone ogni giorno, in ogni stagione. Solo sviluppando un profondo rapporto con l’ambiente saranno dei cittadini più civili ed educati di quanto siamo noi oggi.

 

Per amare e capire il senso della natura i bambini hanno bisogno di avere un contatto costante con essa.

 

Oltre a, naturalmente, fare tante esperienze nel verde nel tempo libero e in vacanza, possono essere messi a contatto con la natura tutti i giorni anche a casa.

 

La logica di consumo viene trasmessa ai bambini dai genitori e dai media. Se noi genitori per primi abbiamo uno stile di vita semplice e non consumistico, per loro questa sarà la normalità.

 

E poi i media: la tv in particolare propone senza tregua ai bambini decine di giochi, li spinge in continuazione a desiderare oggetti sostanzialmente inutili e spesso non adatti alla loro mente, così fresca e bisognosa di qualità.

 

3 consigli per un 2018 più ecologico nelle nostre case?

 

  1. ridurre lo spreco, a partire dal momento in cui si fa la spesa: rifiutiamo prodotti con troppo packaging!
  2. limitare l’impiego di energia: lo possiamo fare in moltissimi modi e il potenziale di risparmio è enorme
  3. scegliere giochi senza pile per i bambini, preferibilmente di legno certificato
SHOP ONLINE