Benvenuto in OVS
Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter!
Scopri le nostre collezioni!
Ci dispiace, ma non possiamo iscrivere questo indirizzo perché è già presente un utente già registrato su OVS.it con questa email.

Se vuoi modificare l'indirizzo con cui sei registrato alla newsletter devi accedere al sito OVS seguendo questo link e poi entrare nella sezione 'dati personali'.

Se ti servono maggiori informazioni, non esitare a contattare il nostro servizio clienti.

Come organizzare i compiti delle vacanze

Barbara Damiano 15.06.2017

Compiti a casa: ecco come organizzarsi al meglio!

 

Rapporto genitori insegnanti

 

Per prima cosa: smettiamola di protestare su Facebook.

Quelle lettere di genitori che urlano contro la scuola che toglierebbe ai bambini il tempo di vivere e giocare a causa dei compiti delle vacanze… no.
Non è necessario spettacolarizzare tutti gli ambiti della nostra vita.

 

Partecipiamo alle riunioni di classe: valutiamo i libri delle vacanze che vengono proposti, chiediamo agli insegnanti di dare compiti adeguati all’età e anche al necessario riposo dei bambini.

 

Gli insegnanti dei nostri figli non sono i nostri nemici, ma i nostri alleati.

 

Durante le vacanze di Pasqua, ad esempio, nella nostra interclasse erano stati dati troppi compiti. Oggettivamente troppi, tanto da dover sacrificare un’intera giornata di ferie per terminarli.

 

Alla prima riunione di interclasse ne abbiamo parlato, senza attaccare le insegnanti, spiegando i motivi per cui ci sembravano eccessivi: le maestre hanno compreso, hanno ammesso di aver sbagliato, hanno promesso che in futuro non verranno accumulati così tanti compiti per le vacanze.

Basta parlarsi.

 

Estate e vacanze: importanza del gioco e del riposo per i bambini

 

Lasciamo che i bambini abbiano anche il tempo di riposarsi.

Non pressiamoli da subito con i compiti delle vacanze: possiamo benissimo lasciar loro una settimana di pausa dalla fine della scuola, per fargli sperimentare la noia, il riposo, i giochi all’aria aperta.

 

Lasciamo che i bambini abbiano il tempo anche di oziare. L’ozio sarà un motore propulsivo per sviluppare la loro creatività in modo spontaneo e autonomo.

 

Compiti delle vacanze, come farli

 

Da quel momento, cerchiamo di creare una buona abitudine: ogni giorno 3 paginette di compiti, nell’ora più calda. Per esempio alle due del pomeriggio, quando si sta a casa al fresco.

 

Possiamo preparare un cartellone da appendere in cameretta, in cui segnare insieme le pagine da fare nei giorni in cui non siamo fuori casa, in modo da organizzare i compiti delle vacanze in modo rigoroso, ma pur sempre senza portare compiti anche nella settimana di vacanze al mare.

 

Organizzazione, rigore, ma senza nessuno stress. Impegni a maglie larghe: i bambini sono pur sempre in vacanza!

SHOP ONLINE