Benvenuto in OVS
Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter!
Scopri le nostre collezioni!
Ci dispiace, ma non possiamo iscrivere questo indirizzo perché è già presente un utente già registrato su OVS.it con questa email.

Se vuoi modificare l'indirizzo con cui sei registrato alla newsletter devi accedere al sito OVS seguendo questo link e poi entrare nella sezione 'dati personali'.

Se ti servono maggiori informazioni, non esitare a contattare il nostro servizio clienti.

Dare l’esempio per educare

Barbara Damiano 21.07.2016

Dare l’esempio è il miglior modo per educare i figli.

 

Quando si parla di regole ed educazione in famiglia, sembra sempre che solo i bambini debbano seguirle. Ma non è così.

Anche noi genitori dobbiamo seguire le regole dei nostri figli, se vogliamo educare le nuove generazioni in modo efficace. E possiamo farlo ogni volta che siamo un esempio. 

 

Gestire l’educazione dei figli è molto simile a gestire un team di lavoro.

 

Provate a pensare a un ambito lavorativo qualunque in cui siate inseriti (fabbrica, ufficio, pubblica amministrazione, cantiere, ecc..) e chiedetevi cosa succede se il responsabile del gruppo di lavoro non segue per primo le regole che egli stesso ha dato ai suoi collaboratori.

 

Lo stesso vale in famiglia.
“Non si gioca a tavola!” però poi teniamo il cellulare accanto al piatto perché dobbiamo, assolutamente e proprio in quella mezz’ora, rispondere a una mail di lavoro o controllare la nostra bacheca Facebook.
“Non si dicono parolacce!” e poi in macchina appena ci sorpassano siamo i primi a usare brutte parole.
“Non si risolvono i problemi con le mani!”, ma la sculacciata quando non riusciamo a farci ascoltare è ‘lecita’?

 

Non rispettare le regole solo perché noi siamo grandi ci fa perdere la stima dei nostri figli.
E se ora che hanno pochi mezzi dialettici per contestare questi nostri comportamenti, avremo molti problemi quando tutti questi errori ci verranno rinfacciati in quel meraviglioso momento di ribellione e feroce consapevolezza che è l’adolescenza.

 

Essere sempre perfettamente coerenti non credo sia umanamente possibile. Non siamo robot programmabili, ma persone con fragilità e stanchezze da gestire.
Il punto è che quando si sbaglia ci si dovrebbe fermare, ammettere l’errore e chiedere scusa. Anche ai bambini.
Costa fatica, ma è il migliore insegnamento che possiamo dare ai nostri figli: coerenza, umiltà, ammettere i nostri errori, rialzarsi per ripartire usando le regole come fondamenta per la nostra esistenza.

SHOP ONLINE