Benvenuto in OVS
Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter!
Scopri le nostre collezioni!
Ci dispiace, ma non possiamo iscrivere questo indirizzo perché è già presente un utente già registrato su OVS.it con questa email.

Se vuoi modificare l'indirizzo con cui sei registrato alla newsletter devi accedere al sito OVS seguendo questo link e poi entrare nella sezione 'dati personali'.

Se ti servono maggiori informazioni, non esitare a contattare il nostro servizio clienti.

Il rapporto tra i genitori e gli insegnanti

Barbara Damiano 15.09.2016

BACK TO SCHOOL
Rapporto tra genitori e insegnanti: come può essere proficuo?

 

Chi ha figli alle elementari o alle medie, sa che una delicatissima esperienza riguarda i rapporti tra corpo insegnanti e famiglia: a volte – senza nemmeno capire come – i rapporti si fanno tesi, a discapito di tutti, soprattutto dei bambini.

 

Come possiamo migliorare il rapporto scuola famiglia?

 

  1. Leggiamo e firmiamo sempre il diario: ai professori piace sapere che prestiamo attenzione ai figli e alle comunicazioni della scuola;
  2. Partecipiamo alle riunioni: il miglior modo per instaurare un buon rapporto con gli insegnanti è essere presenti nei momenti istituzionali e partecipare attivamente alle loro proposte;
  3. Controlliamo la cartella: dobbiamo aiutare i figli, finché sono piccoli, a tenere in ordine il materiale scolastico, a temperare le matite e vigilare che non gli manchino i materiali scolastici richiesti dagli insegnanti.

 

Soprattutto, ricordiamoci di non criticare mai gli insegnanti davanti ai figli: se qualcosa non va, parliamone direttamente con gli interessati, chiedendo gentilmente un incontro in orario extra scolastico, in modo da chiarire i dubbi e le preoccupazioni.

 

Se riteniamo che nostro figlio abbia ricevuto un trattamento ingiusto o sia alle prese con un insegnante poco capace, cerchiamo sempre una soluzione graduale: chiediamo prima un colloquio individuale, poi insieme al Dirigente Scolastico.

 

Evitiamo di credere che i nostri figli siano sempre dei geni incompresi, e chiediamoci: mio figlio può aver sbagliato? Io come posso aiutarlo?
Talvolta è più semplice correggere il proprio comportamento, che cercare di cambiare gli altri.

SHOP ONLINE