Benvenuto in OVS
Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter!
Scopri le nostre collezioni!
Ci dispiace, ma non possiamo iscrivere questo indirizzo perché è già presente un utente già registrato su OVS.it con questa email.

Se vuoi modificare l'indirizzo con cui sei registrato alla newsletter devi accedere al sito OVS seguendo questo link e poi entrare nella sezione 'dati personali'.

Se ti servono maggiori informazioni, non esitare a contattare il nostro servizio clienti.
Da anni OVS è impegnata nella tutela dei diritti dei più deboli, in particolare dei bambini, scegliendo di promuovere realtà attive nella prevenzione della discriminazione, delle differenze di genere e del bullismo nelle nuove generazioni. Scopri di più su OVS BullisNO

QUI TROVI... BULLISNO

Da anni OVS è impegnata nella tutela dei diritti dei più deboli, in particolare dei bambini, scegliendo di promuovere realtà attive nella prevenzione della discriminazione, delle differenze di genere e nella tutela dei minori.
Con la nascita di OVS&Kids un’altra importante collaborazione prende il via per combattere e, nel contempo, educare ad una tematica molto attuale e complessa, il BULLISMO. Con l’associazione benefica Fare x Bene Onlus nei prossimi mesi OVS coinvolgerà le scuole italiane in un progetto volto a  contrastare questo fenomeno attraverso la sensibilizzazione degli insegnanti, cruciali nel loro ruolo di educatori. Anche gli studenti verranno coinvolti in una modalità interattiva che sveleremo a breve.
Nelle prossime settimane in questa sezione di OVS&Kids troverai tutte le informazioni, i contenuti e i dettagli relativi a questo importante progetto dedicato a professori, studenti e genitori.

DECALOGO BULLISNO – Chi bulla perde

Redazione OVS&Kids 12.09.2016

 

freccia_decalogo

 

 

DECALOGO GENITORI a cura di Evelina Molinari, Elisa Anderloni, Annapaola Primavesi

 

Educare alla crescita, oggi, significa anche accompagnare i propri figli al corretto uso delle nuove tecnologie, infatti solo l’informazione e la formazione possono diminuire il rischio di vulnerabilità dei giovani in rete.

 

Come? Un decalogo per creare insieme a loro la rete di valori e saperi indispensabile per contrastare il bullismo e il cyberbullismo

 

_0000_livello-153

 

VERSO SE STESSI E VERSO GLI ALTRI

Bisogna insegnare a bambini e ragazzi a essere rispettosi, non solo nei confronti degli adulti, ma anche dei loro coetanei, favorendo relazioni di reciprocità. Imparare il rispetto ripara da episodi di violenza sia come vittime, sia come eventuali bulli.

 

_0001_livello-154

 

PER NON LASCIARE I FIGLI SOLI CON PROBLEMI E PAURE

Spesso i figli fanno fatica a confidarsi e a parlare con i genitori dei loro problemi o delle loro preoccupazioni. E’ compito degli adulti trovare le giuste modalità per farli sentire ascoltati, creando un clima accogliente, non giudicante e di scambio.

 

_0002_livello-155

 

AI SILENZI, A VOLTE LE “NON PAROLE” VALGONO PIÙ DELLE PAROLE

Nella quotidianità, capita di non prestare attenzione alle “non parole” dei figli. Bambini e ragazzi vittime di bullismo o di cyberbullismo spesso reagiscono chiudendosi in se stessi, evitando le relazioni e il dialogo anche in famiglia.

 

_0003_livello-156

 

DA COLTIVARE AFFINCHÉ SIA IN GRADO DI NON SUBIRE VIOLENZE ALTRUI

La mancanza di autostima è uno dei problemi maggiormente sentiti da bambini e adolescenti. Incoraggiarli nelle scelte e nelle attività li aiuterà a sentirsi supportati e capaci, anche dopo eventuali sbagli ed errori che vanno interpretati come possibilità di crescita e non come fallimenti. Un bambino con un buon livello di autostima sarà più difficilmente vittima di bullismo e/o cyberbullismo.

 

_0004_livello-157

INSEGNA AD ESPRIMERLE IN MODO COSTRUTTIVO E NON DISTRUTTIVO

Le emozioni sono innate e universali ma hanno bisogno di essere conosciute, riconosciute, capite e sperimentate, entrando in empatia con gli altri. Ci sono emozioni che possono essere manifestate in modo non appropriato, per esempio la rabbia è spesso espressa attraverso comportamenti violenti o di prevaricazione, va allora favorita la possibilità di comunicare ed esternare il proprio stato d’animo in modo adeguato e costruttivo.

 

_0005_livello-158

CHIARE E CONDIVISE SULL’UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE E DEI SOCIAL NETWORK

E’ fondamentale fornire regole chiare per normare tempi e modalità di utilizzo delle nuove tecnologie e dei social network. Bambini e ragazzi devono conoscerne i pericoli e sapere come affrontarli, prevedendo momenti di confronto e di dialogo per scoprire insieme quello che avviene on-line.

 

_0006_livello-159

 

DELLE PROPRIE AZIONI E DELLE PROPRIE SCELTE

Educare alla responsabilità vuol dire trasmettere a bambini e ragazzi fiducia nelle loro azioni e scelte, ma anche far capire che ogni comportamento genera conseguenze delle quali devono acquisire consapevolezza, che spesso viene a mancare nelle prevaricazioni tra pari. In questo senso la relazione mediata dai social network rende ancora più difficile il riconoscimento delle conseguenze delle proprie azioni, mancando un feedback reale dell’altro diverso da sé.

 

_0007_livello-160

 

DEI PROPRI DIRITTI E DOVERI

E’ importante che bambini e ragazzi conoscano i loro diritti, quello che possono fare, ma anche i loro doveri, ovvero quello che devono fare. La consapevolezza di diritti e doveri li renderà responsabili e inclini alla cooperazione. Bambini e ragazzi consapevoli saranno meno esposti ai pericoli del bullismo e del cyberbullismo.

 

_0008_livello-161
NON DEMONIZZARLO MA USARLO INSIEME E CONSAPEVOLMENTE

Internet e le nuove tecnologie sono parte della quotidianità e i bambini imparano a conoscerli fin dai primi anni di vita. Diventa necessario quindi affiancarli nella conoscenza, scoperta e utilizzo dei dispositivi digitali e social network per educarli a comprenderne le opportunità che possono offrire, ma anche, i rischi e i limiti. Il fenomeno del cyberbullismo è infatti in aumento ma, viene spesso sottovalutato dai genitori e dai ragazzi stessi che faticano a riconoscerne la pericolosità.

 

_0009_gruppo-10-copia

 

IMPARA A DIRLO E INSEGNA A TUO FIGLIO A DIRLO

Dire “No” significa definire i confini tra ciò che si può fare, si deve fare, e ciò che invece non va bene o non è lecito. Insegnare il valore del NO aiuta a capire i propri bisogni e quelli degli altri, a rispettare e a pretendere rispetto. Spesso, il non sapere dire di NO, è determinate nel rendere lecite le prevaricazioni.

 

Infine… uniscili tra loro con sensibilità e buon senso, senza risparmiare principi e amore.

 

Scarica il decalogo

 

no_bullismo